Praline al Cioccolato

La storia di questi dolcetti risale alla metà degli anni ’70 (non sto parlando delle guerre puniche eh!); ero al primo anno di università, non pensavo neanche lontanamente di “metter su famiglia” e mi dilettavo in cucina solo per divertimento e solo quando ne avevo voglia…le cose poi sarebbero cambiate velocemente, ma questo è un’ altro discorso!

Mio nipote Stefano era seduto in terrazza e stava leggendo Topolino, perché allora i bambini non erano ancora sommersi da computer, videogiochi o smartphone, che ora occupano buona parte del loro tempo libero. Tra i giornalini Topolino era un “must” e lo sarebbe rimasto ancora per parecchio tempo, mio nipote aspettava con ansia il giorno della pubblicazione settimanale, per leggere le avventure e disavventure dei paperi più famosi di Paperopoli. Come sempre era tutto immerso nella lettura, quando improvvisamente, tutto contento, è venuto da me con il giornalino in mano, poi, indicandomi la pagina dove c’era una rubrica chiamata: “Le ricette di Nonna Papera”, mi ha detto: “Zia, facciamo queste palline al cioccolato?”

praline_20190401_122227
Originale del 1976 trovato dal mio amico Alberto in un mercatino.

Sono dei dolcetti, che mai e poi mai avrei pensato di fare e rifare decine di volte! Non c’erano feste di compleanno dei miei figli in cui non erano presenti, tutti i bambini li divoravano golosamente e ricordo ancora le loro bocche e soprattutto le loro mani tutte sporche di cioccolato, come mine vaganti in giro per casa!

La ricetta base, proprio quella di Nonna Papera, è un impasto di biscotti secchi tritati, con burro, mascarpone, nocciole e altri ingredienti (qui sotto vi lascio quella originale). Una volta formate le palline si arrotolano nelle codette o nei confettini colorati. Questa versione, piace sempre molto ai bambini, è la più semplice ed è molto adatta per feste di compleanno.

Foto da Patrizia Rossi-8_praline

Ingredienti ricetta base:

  • 250g mascarpone
  • 125g burro morbido
  • 2 tuorli grandi
  • 125g cacao amaro setacciato
  • 250g zucchero a velo
  • 250g biscotti secchi tritati finissimi (tipo oro saiwa)
  • 150g nocciole tostate tritate finemente
  • 1 bicchierino liquore ( rum, maraschino o cointreau)
  • 300g granella colorata e codette di cioccolato per rivestirle

E’ una delle rare preparazioni in cui utilizzo il tuorlo d’uovo crudo, ma considerando che è una ricetta datata e perfetta così, non ho voluto modificarla. L’ impasto si può preparare anche con largo anticipo, dividere in due panetti e congelare.

Preparazione:

Con la frusta elettrica, amalgamare i tuorli con lo zucchero e il liquore, aggiungere il mascarpone e il burro morbido. Deve diventare una crema.

Inserire gli ingredienti secchi tritati (biscotti e nocciole) amalgamando bene con una spatola, per ultimo il cacao setacciato (a questo punto, io mi infilo un guanto di lattice e impasto a mano) Lasciare raffreddare in frigorifero per almeno tre ore.

Formare delle palline tutte dello stesso peso (14 g), passarle nella granella colorata o nelle codette e adagiarle nei pirottini di carta. Conservarle in frigorifero.

Per una versione più elegante, mantenendo l’ impasto invariato, rivesto le palline, messe prima in congelatore per mezz’oretta, con cioccolato fuso. Preparo tre ciotoline con cioccolato fondente, al latte e bianco precedentemente fuso a bagnomaria o al microonde.

Immergo le palline congelate e con l’ aiuto di due forchettine le appoggio su un vassoio rivestito di carta forno. Le guarnisco con foglia d’oro o più semplicemente con frutta secca ( gherigli di noci, mandorle o nocciole), metto il vassoio in frigorifero per 15/20 minuti perché si consolidi il cioccolato, poi le sistemo nei pirottini di carta.

Per temperare il cioccolato (così rimane lucido) fonderlo a 45-48°C poi portarlo alla temperatura di 30-32°C spatolandolo.

Col tempo, volendole servire in cene, incontri con amici, oppure regalarle, ho modificato leggermente il composto interno: sono diventate maggiorenni!
Queste le ultime versioni che ho fatto, inserendo nell’ impasto base altri ingredienti:

  • Rum e noci tritate, ricoperte di cioccolato fondente e guarnite con un gheriglio di noce
  • Una tazzina di caffè ristretto, ricoperte di cioccolato bianco e un chicco di caffè (in versione pasquale con un ovetto di cioccolato)
  • Cointreau e scorza di arancia candita tritata, ricoperte di cioccolato fondente e guarnite con scorzette di arancia
  • Nocciole tritate grossolanamente, sopra una nocciola intera, rivestite di cioccolato gianduia (gusto Baci Perugina).

L’ultima idea, qualche anno fa, seguendo la moda del momento, è stata di fare dei Cakepops: ho infilato le praline negli appositi bastoncini e in famiglia i miei figli li hanno chiamati “PattiPops”.

pattipops_163510c

Queste praline sono diventate così molto più ricche… messe dentro a pirottini bianchi, su un grande piatto d’argento, fanno sempre la loro figura, ma soprattutto non ho mai conosciuto nessuno a cui non siano piaciute!

bologna 2008_pasticcini 002


4 pensieri riguardo “Praline al Cioccolato

  1. Bellissima storia! Fantastici dolcetti! Favolosa presentazione ! Insomma ma che meraviglia!!! Pensa che io guardando la foto del libro mi sono ricordata di avere il manuale delle giovani marmotte originale! Non c’entra con la cucina ma… che bello !!!!!!!!

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...