Babà Savarin al rum

Storia del babà (dalla Polonia a Napoli passando per Parigi)

Il suono della parola “babà” è ricco di musicalità, a Napoli il termine “si ‘nu babbà” vuol dire sei un tesoro, indica qualcuno dal carattere dolce e disponibile, ma si usa anche per ringraziare di un regalo o di un’attenzione. Insomma, babà ha un significato estremamente positivo per i napoletani. E’ infatti un dolce di grande equilibrio di sapori, che richiede estrema pazienza nell’esecuzione e, come vedremo tra poco, di origini regali.

Continua a leggere “Babà Savarin al rum”

Strudel di mele

Strudel, termine tedesco per “vortice“, è un dolce conosciutissimo di pasta arrotolata e ripiena, quello tradizionale è a base di mele, pinoli, uvetta e cannella. Tipico del Trentino Alto-Adige, ogni località di questo territorio ha la sua versione: con la pasta strudel, sottilissima e croccante, con la classica pasta sfoglia, oppure con la pasta frolla come in questa ricetta che mi ha dato lo chef di un hotel di Corvara durante un corso di cucina ladina. E’ uno dei miei dolci preferiti, buonissimo così, ma ancora più goloso se servito con crema inglese o con panna montata!

Continua a leggere “Strudel di mele”