Brillat-Savarin, il primo gastronomo

Anni fa credevo che “savarin” fosse il nome di uno stampo che a casa mia serviva per preparare un piatto squisito, a base di riso con polpettine e funghi: il “Savarin lodi riso“, oppure usato per un dolce: il “Babà Savarin“. Non mi ero mai chiesta da dove provenisse quel nome francese! Poi mi ritrovai a leggere degli aforismi, alcuni molto noti, che mi riportavano sempre al nome Savarin. E finalmente arrivai al libro “Fisiologia del gusto” e scoprii questo illustre gastronomo francese: Brillat-Savarin, che tra le molte “meditazioni” che scrisse sul cibo, sul gusto e sul “bon vivre“, inventò anche uno stampo col buco centrale, tuttora usato in tante case per sfornare ciambelloni.

Continua a leggere “Brillat-Savarin, il primo gastronomo”